“Mi han chiamato tutti, Pupi, è vero? Ti han rimpiazzato con Lino Banfi?”. Il ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio aveva erroneamente indicato Banfi quale sostituto di Pupi Avati, anziché dello scomparso Folco Quilici, nell’Assemblea della commissione nazionale italiana per l’Unesco (Cniu), la successiva correzione lascia all’80enne regista un sogghigno: “Sono contento per Banfi, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Banfi all’Unesco? Al massimo potrà tifare per Canosa

prev
Articolo Successivo

Conte “amico” della Francia. Il caos gialloverde agli Esteri

next