Ancora sotto pressione il titolo Tim che in Borsa cede il 6,24% dopo aver toccato un nuovo minimo storico a 0,441 euro, come nel 1993. A pesare sulle azioni dell’ex monopolista contribuiscono l’incertezza legata allo scorporo della rete dopo la bocciatura dell’Agcom al progetto di separazione volontaria presentato a suo tempo dall’ex ad Genish, ma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Farmaci di fascia C, la liberalizzazione salta anche dal dl Semplificazioni

prev
Articolo Successivo

E-fattura, il falso mito della lotta all’evasione

next