All’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn) la stagione del precariato storico non è finita. Circa 150 ricercatori, pur con i requisiti per essere assunti a tempo indeterminato, sono stati esclusi dalle stabilizzazioni che l’ente ha effettuato in autunno. Il coordinamento dei Precari uniti Infn parla di un’ingiusta discriminazione e venerdì mattina terrà un presidio di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

E-fattura, il falso mito della lotta all’evasione

prev
Articolo Successivo

Un’economia mondiale meno aperta non è una cattiva notizia

next