“Fate presto, tra un po’ non riuscirò più a parlare perché sto congelando”. L’Sos disperato arriva ad Alarm Phone – il call center che raccoglie le chiamate di soccorso dei migranti – intorno a mezzogiorno, ma ci vogliono più di dieci ore per trarre in salvo cento persone in balia del mare, del freddo, del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La Cattiveria

prev
Articolo Successivo

Dibba in tivù straccia il franco africano: “Macron colonialista”

next