Anche nell’Impero c’era il problema dei tifosi violenti

Tessalonica, 390 d.C. Un auriga assai popolare aveva tentato di sedurre un giovane servitore di Butheric, magister militum per Illyricum, massima carica militare e preposta all’ordine pubblico. Denunziato in base alla legge contro la prostituzione maschile, l’auriga fu arrestato per ordine di Butheric. La decisione scatenò l’ira dei tifosi che, vistasi rifiutata la scarcerazione alla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.