Tra il “profondo dolore” del presidente Sergio Mattarella e i “porti chiusi” del ministro Matteo Salvini, c’è il futuro del premier Giuseppe Conte: “Sono crimini contro l’umanità: quando avrò smesso questo mio mandato, mi dedicherò da avvocato a perseguire e assicurare alla Corte internazionale i trafficanti di uomini”. Nel frattempo bisognerà assicurare un porto sicuro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Meglio morti che in Libia”. La strage continua in mare

prev
Articolo Successivo

“Li hanno lasciati morire. Noi ci abbiamo messo 7 ore e domani ci attende un D-day”

next