È passato un mese da quando sua figlia, Meng Wanzhou, è stata arrestata in Canada. E ieri, il fondatore di Huawei, Ren Zhengfei, ha rotto il silenzio per smentire qualsiasi ruolo del colosso delle tlc in operazioni di spionaggio per conto del governo cinese attraverso i dispositivi e le reti. Ren parla per la prima […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

5G, i conflitti d’interessi che delegittimano studi e comitati dell’Ue

prev
Articolo Successivo

Coop, sono sparite le norme per limitare il prestito soci

next