Sei giorni di sciopero consecutivi, stabilimenti bloccati, un ragazzo morto negli scontri con la polizia e 500 feriti tra i lavoratori. Questo il bilancio delle agitazioni portate avanti dai lavoratori del tessile a Dacca, capitale del Bangladesh, che hanno bloccato un centinaio di stabilimenti, protestando per la scarsa entità dell’aumento del salario minimo. Mentre la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Berlino criminale. Altro che fiction: le mani dei clan arabi sulla città

prev
Articolo Successivo

Trump e lo shutdown più lungo della storia

next