Nella volata verso la segreteria della Cgil, Maurizio Landini prova a convincere gli elettori scagliandosi contro il governo Conte. Ieri l’ex leader della Fiom, il cui nome sarà opposto a quello di Vincenzo Colla nel congresso nazionale del 22-25 gennaio, ha criticato duramente il reddito di cittadinanza, definito uguale al Jobs act: “Nell’esecutivo del cambiamento […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)