Via libera dell’assemblea dei creditori al piano di concordato preventivo presentato da Atac, l’azienda del trasporto pubblico di Roma, per rientrare dal debito monstre di 1,4 miliardi di euro maturato negli anni dalla partecipata che gestisce bus, tram e metro. La votazione, partita il 19 dicembre scorso, si è conclusa a mezzanotte ma fonti qualificate […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

A., nata con una malformazione all’esofago, mangia per la prima volta a tre anni grazie ai medici

prev
Articolo Successivo

Inchiesta abusi Cirque du Soleil, i pm: “Archiviare Daniele Frongia”

next