Che spettacolo atroce e sublime la lunga maratona Blob dell’ultimo dell’anno. Il prodigio dello scioglimento catartico del “Blobbone”, fatto di puro montaggio di scarti televisivi rigurgitati, si è ripetuto sotto il titolo epico-western di Fiume senza fine: Enrico Ghezzi e i suoi hanno servito alla Nazione stordita dalla crapula natalizia una scorpacciata allucinante di sopraffina […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

San Ferdinando, baracche al rogo e 40 braccianti stranieri trasferiti

prev
Articolo Successivo

Povero Munch, tra opere sparite e schizzi di birra

next