Fra un coup de théâtre e l’altro: è così che è trascorso il 2018 su quattro ruote. Il più triste è stato il prematuro addio di Sergio Marchionne, scomparso a fine luglio: lascia una Fca finanziariamente risanata, ma quasi tutta da ricostruire a livello di prodotto ed elettrificazione, nonché con gli stabilimenti italiani ancora da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La fabbrica, la frontiera e la squadra su terra rossa

prev
Articolo Successivo

L’automobile che è stata e quella che verrà

next