La vita spericolata del “Ninja” metà campione, metà bad boy

Messo fuori squadra dall’Inter, il belga si sfoga in un audio: “Sto a fa’ un macello”
La vita spericolata del “Ninja” metà campione, metà bad boy

Fumo, alcool, tatuaggi, carte, soldi, tanti gol e qualche bravata di troppo: Radja Nainggolan ha sempre vissuto al limite. Il sospetto è che ora lo abbia superato. Gli infortuni, il ritardo agli allenamenti, la sospensione dell’Inter per motivi disciplinari, ora pure gli sfoghi su Whatsapp, la nostalgia di Roma e le minacce alla famiglia. È […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.