Ora che l’Apocalisse è rinviata a data da destinarsi causa maltempo, possiamo serenamente salutare i profeti del disastro, i cantori della catastrofe, le cassandre dell’uscita dall’euro, i trombettieri del Cigno Nero, le pizie della fine della Grecia, i vati dello spread, gli aedi della procedura d’infrazione, i teorizzatori della finta trattativa di Conte per la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Modifiche, ancora liti tra alleati Rischia il condono caro a Salvini

prev
Articolo Successivo

I 5 Stelle e il dissenso inibito: troppi silenzi sui falli della Lega

next