È iniziato ieri, nella Chiesa di Santa Maria della Neve di Senigallia l’estremo saluto, in forma privata, ad una delle sei vittime della tragedia della discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo. C’era tutta la città a dire addio a Emma Fabini, che con i suoi 14 anni era la più piccola degli adolescenti. Frequentava il primo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“Tollerare l’omosessualità è come accettare la pedofilia”. La De Mari rischia una multa

prev
Articolo Successivo

Ossessione selfie: ecco il vero scontro di inciviltà

next