La lotta al terrorismo è zeppa di imprevisti. E di contraddizioni. Parigi ha varato da tre anni una poderosa e costosissima macchina preventiva che coinvolge forze speciali, attività specifiche (intercettazioni telefoniche, controllo traffico Internet e chat, schedature dei potenziali terroristi, monitoraggio delle collusioni, delle conversioni e degli indottrinamenti in carcere, collaborazioni transnazionali con le polizie, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il fantasma Chérif in fuga nel deserto di Strasburgo

prev
Articolo Successivo

Dalle rapine a mano armata alla strage, il terrorista sulla scia dei “predoni jihadisti”

next