“Questa persona non è mio marito”. La 25enne eritrea Lydia Tesfu, in videoconferenza dalla Svezia, ripete più volte al giudice Alfredo Montalto, che l’uomo presente in aula non è il suo sposo. Sarebbe l’ennesima conferma che tra i banchi degli imputati, al processo che si celebra alla seconda sezione della Corte d’Assise di Palermo, ci […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)