Le lungaggini della trattativa con Bruxelles sulla manovra iniziano a mettere in imbarazzo il governo. Ma dallo stallo emergono le prime certezze. A fissarle è stato ieri Giovanni Tria. Il ministro si è dovuto presentare in commissione Bilancio alla Camera dove i lavori sulla legge di bilancio 2019 procedono a rilento. Ne è nato un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Fatto a mano di Natangelo

prev
Articolo Successivo

Conte: “Con Juncker parlo solo io. Per le riforme serve tempo”. E sui migranti incalza: “Global Compact? Se passasse il no, ci rimarrei male”

next