Fattorini

“Noi migranti sfruttati per Uber&C. nelle catene della gig economy ”

Un’inchiesta di 6 mesi che racconta la piramide degli intermediari dei rider, per lo più stranieri e richiedenti asilo: “Le imprese esterne trattengono la metà del compenso per le consegne”

Di Lorenzo Pirovanoe Giovanni Sacchi
28 Novembre 2018

Il colloquio di lavoro è fissato nel seminterrato di un condominio alla periferia est di Milano. Al citofono, nulla di riconducibile al possibile datore. Sulla porta al piano -1 la targa indica ‘Vita Infinita World’. Decine di migranti africani incontrati negli ultimi mesi sono passati di qui, pronti a salire in sella alle loro bici, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.