Filippo Magnini ci è “cascato”: arrivato a fine carriera, in piena parabola discendente e lontano dagli allori iridati, anche lui è caduto nella tentazione di ricorrere a un aiutino (anche se magari non l’ha fatto per davvero). È questa la verità scritta dal Tribunale nazionale antidoping, che lo ha squalificato per quattro anni per tentato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Confcommercio, i dossier del vero scontro

prev
Articolo Successivo

“Violata consegna”: seconda condanna per i due carabinieri accusati di stupro

next