Mentre la polizia turca non smette di scavare nella foresta attorno a Istanbul e il procuratore della città, Irfan Fidan, conferma di avere le prove audio dell’assassinio per strangolamento del giornalista Jamal Khashoggi all’interno del consolato saudita della megalopoli sul Bosforo, il presidente Recep Tayyip Erdogan continua a usare la tattica del bastone e della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Neri per Trump, la “Blexit” sulle elezioni di Midterm

prev
Articolo Successivo

Quei soldi di Banks per la Brexit e l’ombra di Putin

next