Mentre parla di tribù libiche e di strategie globali per gestire il tema delle migrazioni, Marco Minniti si anima. Martedì prossimo presenterà il suo libro, Sicurezza è libertà, una sorta di “Romanzo Viminale”, nel quale racconta non solo gli anni al governo, ma anche tutto quello che li ha preceduti, dall’esperienza di essere il primo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Emanuela e Mirella, tra Sant’Apollinare e il palazzo di via Po

prev
Articolo Successivo

“CasaPound vicina alla gente, il Pd no”: provocazione del dem romano Astorre

next