La Soprintendenza si scaglia contro la “spiaggia sul Tevere” tanto cara alla sindaca Virginia Raggi. Per l’ente è “abusiva” perché allestita senza i permessi. E gli interventi non hanno neanche rispettato le procedure di legge e le tutele dell’ambiente. Quindi invita il Comune a “presentare un progetto di smantellamento dell’opera e di ripristino dello stato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese