Breve storia triste ed esemplare del destino dei truffati di Banca Etruria. Vincenza Occhiuzzi vedova Armentano, di anni 82, fu sorpresa dal crac di Etruria con in mano obbligazioni subordinate per euro 205 mila. Illudendosi che le promesse dell’allora ministro Pier Carlo Padoan avessero senso comune, si è rivolta all’Autorità anticorruzione di Raffaele Cantone, incaricata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ferrarini, vicino al fallimento anche il gioiello di famiglia

prev
Articolo Successivo

“Caro Di Maio, non sono 10 euro a trattenere i brevetti in Italia”

next