Ancora non conosciamo nel dettaglio le motivazioni che, tre settimane fa, hanno portato la Corte costituzionale a bocciare la parte del Jobs Act sui risarcimenti dovuti dalle imprese ai lavoratori ingiustamente licenziati. La sentenza non è ancora stata pubblicata, ma ha già ottenuto un effetto pratico nella vita di un impiegato italiano. Ex dipendente di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’Agenzia degli errori: il tritacarne tributario da cui è (quasi) impossibile difendersi

prev
Articolo Successivo

Il “bravo soldatino” di Macron scelto contro i “cugini italiani”

next