Chi ha dato l’ordine di modificare l’annotazione del 26 ottobre 2009 redatta dopo la morte di Stefano Cucchi dai carabinieri della stazione di Tor Sapienza, dove il geometra romano passò la notte del 15 novembre 2009? Da quale livello della gerarchia dell’Arma partì? Rispondere a queste domande significa far cadere un altro pezzo di quel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

testatina

prev
Articolo Successivo

Stefano Cucchi, l’intervista al comandante generale dei carabinieri: “È bene che si indaghi anche sulla riunione al comando di Roma”

next