Solo 40 squadre professionistiche, contratti di apprendistato e agevolazioni fiscali per i piccoli club, revisione della giustizia sportiva con azzeramento degli attuali organi e magari l’Europeo 2028 da organizzare in casa per ristrutturare i vecchi stadi del Paese. È tutto nero su bianco nel programma di Gabriele Gravina, prossimo presidente della Federcalcio: un “contratto di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Sveva Casati Modignani e l’operaio innamorato che si ispira a Landini

prev
Articolo Successivo

Obiettivo 1% del Pil: i lavoratori della cultura battono cassa

next