Le acque del Gran Sasso sono inquinate. Sì, quelle falde che danno da bere a 700 mila persone. Lo dicono i carabinieri del Noe e la Procura di Teramo. E puntano il dito, parlando di “potenziali fonti di contaminazione”, verso uno dei fiori all’occhiello della ricerca mondiale: l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), con sede […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Tutti assolti in Cassazione. Bussi si è inquinata da sola

prev
Articolo Successivo

Da “uomo dei sogni” a incubo della Borsa: parabola Elon Musk

next