Arrivano momenti in cui perfino i più europeisti devono constatare l’impotenza assoluta di questa costruzione comunitaria, sempre più simile a quei condannati a morte che aspettano con serenità il giorno dell’esecuzione, che in questo caso è il 23 maggio 2019, quando gli elettori di 27 Paesi dovranno votare per l’Europarlamento. Tre vicende denotano la totale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Tra De Benedetti e mafia, potere e latte di mandorle

prev
Articolo Successivo

La prossima volta meglio rinascere francese

next