L’iter logico è che i social media hanno creato le folle intelligenti (smart mobs) e che queste folle non solo sono globali grazie all’estensione del web ma sono anche disintermediate e in grado di creare “fatti sociali” con “potere coercitivo elevato” al punto di mettere in discussione i “fatti sociali istituzionali” presenti nelle reti di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Stretta contro sale slot e scommesse. Paradosso del giusto che toglie posti

prev
Articolo Successivo

Non tutti sono Nadia Toffa quando lottano col cancro

next