Nel 2008 Kwon Yong Seok aveva un’ulcera al fegato, la bocca amara, piena di alcol e sigarette. Lavorava 100 ore a settimana. Non riusciva a staccarsi da faldoni e scrivania neppure per andare a dormire. Era la sua dipendenza. “Ero esausto, ma non avevo il coraggio di smettere di lavorare, non sapevo cosa fare nella […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Gli Usa si comprano Versace e il Made in Italy dei dividendi

prev
Articolo Successivo

I 1500 bambini immigrati scomparsi negli Usa

next