Se pensate di bere un cola, un’aranciata, un tè freddo, un’acqua tonica o una gassosa il rischio di ritrovarvi nel bicchiere tracce di microplastiche è assai alto: frammenti di pochi millimetri impercettibili che ingeriamo senza conoscere le conseguenze sull’organismo. Particelle che, dopo essere arrivate nei nostri piatti, ora abbondano anche nei soft drink. Nessuno escluso. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Bilancia, ti basta una camomilla. Pesci: consolati tra le sue braccia

prev
Articolo Successivo

Chirurgia in Liguria: -15% di interventi

next