C’è stato un tempo in cui pochi dell’establishment repubblicano si sarebbero fatti vedere in giro con Steve Bannon. La sua storia tortuosa – da ufficiale di Marina a banchiere d’investimento a produttore di documentari sul fascismo islamico, fino alla direzione del sito dell’alt-right Breitbart e alle accuse di antisemitismo, razzismo e violenze contro la ex […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

I leghisti e gli anti-Papa: la rete di Steve in Italia

prev
Articolo Successivo

Piccoli leader crescono: la nuova destra europea

next