Le pessime pratiche sono dure a morire e il governo Conte sembra aver ereditato dai suoi predecessori – l’esecutivo Renzi in particolare –, l’abitudine a praticare processi legislativi opachi, piegati agli interessi del momento ed esposti alle trattative sottobanco. Forse ci capiremo con una domanda: che fine ha fatto il cosiddetto “decreto emergenze” che doveva […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Non si taglia sulla propaganda: Casalino guadagna come Sensi

prev
Articolo Successivo

Il testo “monco”: Autostrade può rientrare

next