Dopo soli 100 giorni dall’insediamento del nuovo governo, il miraggio elettorale della flat tax – un’imposta universale ad aliquota unica, con esenzione alla base, applicabile a tutti i tipi di reddito – sembra già svanito. In sua vece si progettano sgravi d’imposta settoriali, che in realtà ne rappresentano l’esatto opposto, o una riduzione del numero […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La Ferrari diventa più ecologica e scommette anche sul suv

prev
Articolo Successivo

Tutele per le mamme freelance, in attesa per una circolare bloccata

next