Sono passati 16 mesi da quando, a maggio 2017, il Parlamento ha approvato lo statuto del lavoro autonomo. Oggi, dopo tutto questo tempo, diversi nuovi diritti riconosciuti dalla legge ai freelance italiani ancora non trovano applicazione nella vita quotidiana. Questo ritardo fa sì che a pagare le conseguenze sia la categoria più vulnerabile di tutte: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Tutti i pericoli nascosti della nuova finta flat tax

prev
Articolo Successivo

Bob, l’eterno terrore della casa bianca

next