Lo scenario

L’intelligence e l’ambasciata: doppio vuoto italiano in Libia

Verso le elezioni - Il contestato ambasciatore Perrone non rientrerà, il capo dell’Aise Manenti è in via di sostituzione. Ma potrebbe restare

18 Settembre 2018

L’Italia rischia di affrontare il momento più delicato dell’infinita crisi libica senza i suoi esperti sul campo. L’ambasciatore Giuseppe Perrone non è mai tornato in Libia dopo le ferie e probabilmente non ci tornerà, il capo del servizio segreto estero (Aise) Alberto Manenti, che ha gestito la politica italiana in Libia, doveva essere sostituito insieme […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui