“Io credo nella giustizia, ma fatemi vedere mio figlio”. È un grido di dolore quello che Massimiliano Fazzari consegna in esclusiva al Fatto. Un figlio, di 6 anni, conteso in una storia di criminalità organizzata, pentiti e di una città, Roma, sotto scacco. Fazzari non vede suo figlio da oltre un anno nonostante il Tribunale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese