Prima lasciate a casa per mesi senza la possibilità di lavorare, poi spedite in “trasferta punitiva” a Milano. Tutto per non aver accettato il trasferimento nella nuova sede lombarda dell’emittente. Prosegue la protesta delle due giornaliste di Sky Tg24 che non hanno aderito al “mutamento volontario di sede”, in sciopero dal 6 settembre dopo la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)