I media uniti del Cremlino scagionano gli “spioni”

I due agenti accusati di aver avvelenato gli Skripal descritti come innocui turisti
I media uniti del Cremlino scagionano gli “spioni”

Siamo noi”. Illuminati dai flash delle telecamere della tv di Stato Russia Today, in un angolo di quello che sembra un ufficio, tavolo e pareti beige sovietico, Aleksandr Petrov e Ruslan Bashirov siedono nervosi di fronte a una delle donne più potenti di Russia, Margarita Simonyan, capo-redattrice del colosso mediatico del Cremlino che opera in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.