Più di dieci anni dopo il reato, compiuto fino al marzo 2008, tre anni dopo la sentenza di condanna di primo grado, e due mesi dopo la pronuncia definitiva della Cassazione, le 78 pagine di motivazioni dei giudici del Palazzaccio sulla prescrizione del “privato corruttore” Silvio Berlusconi ci regalano alcune notizie e altrettante certezze. La […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ecco cosa rischia Mediaset: un salasso da 750 milioni l’anno (il 20% dei ricavi)

prev
Articolo Successivo

Tesoro della Lega. La Pharus ai pm: “Qui soldi sospetti”

next