Condannato il “grande fratello” inglese

La sentenza - Le intercettazioni a tappeto hanno leso la privacy e il lavoro della stampa
Condannato il “grande fratello” inglese

Una sentenza descritta come una pietra miliare nello scontro sempre più attuale fra diritti individuali e sicurezza nazionale. Per i giudici della Corte europea dei Diritti umani di Strasburgo il governo del Regno Unito non ha assicurato il pieno rispetto della privacy dei suoi cittadini e non ha garantito la necessaria protezione delle fonti giornalistiche. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.