C’è soprattutto un motore, alla base della crescita economica dei Paesi dell’Est Europa noti col nome di Gruppo di Visegrad, oltre al carburante di elevati sussidi Ue: l’industria automobilistica. Nel 2017, infatti, Repubblica Ceca, Polonia, Ungheria e Slovacchia hanno assemblato 3,1 milioni di veicoli, nuovo massimo storico e il 35% in più rispetto a dieci […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il lento risveglio delle polizze dormienti: beneficiari ignari

prev
Articolo Successivo

Il Trentino è a caccia di medici (all’estero)

next