Non è certo un singolo dramma – in questo caso un singolo crollo – a indicare lo stato di salute di un Paese, delle sue competenze tecnico scientifiche e del suo patrimonio. In pochi decenni, però, l’Italia ha mandato in fumo o in polvere opere di importanza fondamentale per cause impensabili in qualsiasi altro Paese […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Twiga, sequestrata la pagoda in spiaggia della Santanchè

prev
Articolo Successivo

Stanlio e Ollio, i pasticcioni candidi senza happy end

next