Centri di accoglienza, cibo avariato e altre frodi: due agli arresti

Centri di accoglienza, cibo avariato e altre frodi: due agli arresti

Fornivano ai migranti cibo avariato o scaduto, cambiavano le lenzuola ogni tre mesi, non facevano le pulizie negli alloggi e non davano agli ospiti il pocket money, ovvero il contributo da 2,50 euro netti a cui avevano diritto. Di tutto questo la Procura di Firenze accusa quattro tra titolari e dirigenti di ditte e cooperative […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.