Cantava di marce della vittoria e amori, addio a Kobzon, la “voce” dell’Urss

Si era esibito nel 2015 anche per i separatisti ucraini
Cantava di marce della vittoria e amori, addio a Kobzon, la “voce” dell’Urss

Josiph Davidovich è morto. All’estero era conosciuto come il “Frank Sinatra russo”, in Russia era semplicemente Kobzon, leggendaria icona sovietica, quello che si sacrificava sempre per una missione, per ogni amore e per ogni guerra. Ottant’anni e 3.000 canzoni in repertorio, Kobzon cantava di fidanzati al tempo dei komzomol, marce del Giorno della Vittoria: “Era […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.