Chiederà per il Sud il 34 per cento degli investimenti. Promette di sgravare dei contributi per tre anni le imprese che assumono. E come il vicepremier Luigi Di Maio, sostiene che il totem del 3 per cento del rapporto tra debito e Pil non è inviolabile: “Si può discutere con l’Europa”. Nel suo ufficio a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il governo in Corte dei Conti: sulle corsie c’è danno erariale

prev
Articolo Successivo

Tria, il balletto sul 3% di deficit e Bankitalia che investe in Cina

next