Non sono un esperto di #MeToo, come peraltro di nessun altro “hashtag” (ultimo sinonimo di conformismo). Ma stento a capire l’equazione Harvey Weinstein-Asia Argento formulata in questi giorni dalle migliori gazzette. Uno è un potentissimo produttore, considerato il padrone di Hollywood, influentissimo sulla giuria dell’Oscar e dei maggiori premi cinematografici mondiali: a chi fa l’attore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

giovedì 23 agosto 2018

prev
Articolo Successivo

La cattiveria

next