Ero adolescente quando lo costruirono sopra la mia testa. Aprii la finestra, pensai fosse un prodigio della tecnica. E invece mi ha rovinato la vita”. Il suo mezzo secolo di convivenza con il ponte Morandi Ennio Guerci lo racconta seduto su un marciapiede di Sampierdarena, quartiere popolare e solidale di Genova. Sta aspettando insieme ad […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

I dannati del sotto ponte: “Non abbiamo più nulla”

prev
Articolo Successivo

Crollo Ponte Morandi, “anomalie sul pilone nove”. Il Politecnico aveva avvertito Autostrade a novembre

next