I clan criminali di Roma occupano le case popolari: i cognomi Casamonica, Di Silvio e Spada si possono leggere su almeno trenta campanelli, ma si tratta degli appartamenti controllati “direttamente”, poi ci sono quelli comunque gestiti dai boss, con le loro “assegnazioni”. E, secondo stime approssimative, dovrebbero aggirarsi almeno intorno ai 60 alloggi per i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Dignità” tra sbadigli, coppie stranissime e la miss di zio Silvio

prev
Articolo Successivo

Il ballo del Sud Sudan in bilico sul petrolio

next